Mortadella di Prato
Origini
Luogo d'origine
Italia
 
Italia
RegioneToscana
Zona di produzionePrato, Agliana, Quarrata
Dettagli
Categoriasalume
RiconoscimentoI.G.P.
SettoreCarni (e frattaglie) fresche e loro preparazione

La mortadella di Prato è un salume cotto tipico della città toscana.[1]

Storia

È di origine remota ed è un salume "povero" che veniva fatto con le carni scartate dalla produzione della finocchiona o di seconda scelta[1], che venivano sottoposte a una forte speziatura con pepe nero macinato e in grani, sale, polpa d'aglio pestato, coriandolo, cannella, chiodi di garofano e aromatizzate con alchermes.[2]

La produzione e la diffusione della mortadella di Prato decaddero negli anni cinquanta del XX secolo, tanto che si rischiò persino di perderne la memoria, a causa del maggior benessere che portò a preferire le mortadelle pregiate di altre regioni. Solo nei successivi anni novanta si è assistito a una riscoperta di questo salume.[3]

La zona di produzione attuale comprende i comuni di Prato, Agliana, Quarrata e Montale in provincia di Pistoia.[1]

È un prodotto a marchio IGP da febbraio 2016 e presidio Slow Food fin dal 2000.[4]

Note

  1. ^ a b c Salumi tipici italiani: Mortadella di Prato IGP, su agraria.org. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  2. ^ Mortadella di Prato, su Fondazione Slow Food. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  3. ^ Irene Arquint, La Mortadella di Prato, su espresso.repubblica.it, 27 dicembre 2009. URL consultato l'11 aprile 2020.
  4. ^ La mortadella di Prato, su cittadiprato.it. URL consultato il 15 ottobre 2019.

Voci correlate