Il touch screen[1][2] o touchscreen[3] (in italiano "schermo tattile" o "schermo sensibile al tocco")[4][5] è un particolare dispositivo elettronico, frutto dell'unione di uno schermo e un digitalizzatore, che permette all'utente di interagire con un'interfaccia grafica mediante le dita o particolari oggetti. Il touch screen è allo stesso tempo un dispositivo di input e output.[6][7]

Storia

Primi prototipi

La concezione del primo touch screen è attribuita a Eric Johnson, ricercatore del Royal Radar Establishment a Malvern, in Inghilterra, che descrisse il suo lavoro sui touchscreen capacitivi in un breve articolo pubblicato nel 1965[8][9] e poi più completo, con fotografie e diagrammi, in un articolo pubblicato nel 1967. L'applicazione touch a tecnologia capacitiva su tubo catodico per il controllo del traffico aereo venne poi descritta in un articolo pubblicato nel 1968.

Il primo computer dotato di uno schermo al plasma traslucido con funzionalità touch fu il PLATO IV del 1972, mentre il primo smartphone a utilizzarlo fu l'IBM Simon del 1992.[7]

Diffusione

Il touch screen è particolarmente diffuso fin dagli anni 1980 in vari dispositivi dotati di schermo destinati a un uso intenso da parte del pubblico, come per esempio gli sportelli informativi o lo sportello automatico (ATM); non sono tuttavia mancate soluzioni professionali quali l'HP-150 del 1983 e che rappresenta il primo PC con touch screen. È solo a partire dai primi anni del XXI secolo che i dispositivi con touch screen conoscono una vera diffusione, grazie a soluzioni in dispositivi mobili quali il Nintendo DS, i navigatori satellitari, gli UMPC o i vari telefonini cellulari e smartphone. Con la diffusione di questi dispositivi e con l'aumentare della richiesta del pubblico, i touch screen appaiono intensivamente anche in dispositivi portatili più grandi, come i tablet PC o i tablet computer.

Caratteristiche

Il touch screen per le sue caratteristiche riesce a sostituire le funzioni del mouse e in molti casi anche della tastiera, il che permette soprattutto per i dispositivi mobili e compatti di non dover dedicare spazio a tastiera, mouse e touchpad, e avere quindi allo stesso tempo uno schermo più ampio a parità di spazio utile, un'interattività diretta tra utente e dispositivo, a prezzo però di una velocità di scrittura e digitazione in generale meno rapida e a volte con più alto tasso di errori.

Tecnologie di digitalizzatori

Principio di funzionamento di uno schermo resistivo
Principio di funzionamento di uno schermo resistivo
Principio di funzionamento di uno schermo capacitivo
Principio di funzionamento di uno schermo capacitivo

Un touch screen, che può avere dimensioni anche molto diverse tra i vari modelli a seconda della destinazione d'uso/applicazione, può essere realizzato con una gamma di tecnologie molto varia.

Le diverse tecnologie presentano diversi vantaggi e svantaggi a seconda del tipo d'impiego, usabilità e costi.

Disegno che raffigura un dispositivo capace di gestire il multitocco (i tre punti rossi sono i segnali riconosciuti)
Disegno che raffigura un dispositivo capace di gestire il multitocco (i tre punti rossi sono i segnali riconosciuti)

Esistono particolari touch screen definiti multi-touch, capaci cioè di riconoscere la presenza di più dita o oggetti presenti contemporaneamente sullo schermo. Questi schermi utilizzano in genere tecnologie capacitive o resistive ma come per i normali touch screen le tecnologie sono numerose e differenti. Queste tecnologie devono essere accompagnate da un applicativo gestionale che sia in grado d'interpretare i segnali derivati dallo schermo.

Note

  1. ^ touch-screen, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 29 settembre 2018.
  2. ^ touch screen, su Garzanti Linguistica. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  3. ^ (EN) touchscreen, su dictionary.com. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  4. ^ Entrambi i termini in italiano sono poco diffusi: il termine touch screen, oltre che essere riportato dai maggiori dizionari, è generalmente usato perché più breve e immediato, specialmente nei testi pubblicitari dove brevità e immediatezza sono fondamentali.
  5. ^ Entry ID 1474970, su iate.europa.eu, Terminologia interattiva per l'Europa. URL consultato il 19 maggio 2022.
  6. ^ (EN) Geoff Walker, A review of technologies for sensing, su semanticscholar.org. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  7. ^ a b Alessia Vicinanza, Ecco la vera storia del touchscreen, su focus.it, 27 gennaio 2013. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  8. ^ Touch display—a novel input/output device for computers, su The Institution of Engineering and Technology Library. URL consultato il 10 novembre 2020.
  9. ^ 1965 – The Touchscreen, su Malvern Radar and Technology History Society (MRATHS). URL consultato il 10 novembre 2020.

Voci correlate

Altri progetti

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 54294 · LCCN (ENsh2007001536 · GND (DE4674585-3 · BNF (FRcb16563828d (data) · J9U (ENHE987007549652505171 · NDL (ENJA01163599
Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica